«

»

ago 02

Il peggio di Vendola in Puglia, o c’è altro?

Ecco il Nichi Vendola che non mi convince, anzi mi terrorizza. Se questo è il nuovo che avanza della Sinistra storica italiana c’è da rabbrividire. Ci sono tante, e forse troppe, analogie tra quanto succede nella Giunta Regionale Lombarda e quella Pugliese sul discorso sanità.

Oggi, vi riporto l’editoriale odierno di Marco Travaglio, pubblicato sul Fatto Quotidiano, dove descrive egregiamente ciò che sta succedendo in Puglia e vi invito calorosamente a leggere.

Una domanda mi pongo: abbiamo toccato il fondo con questa ulteriore oscenità oppure dobbiamo aspettarci dell’altro dal governatore Pugliese? Mi auguro che non segua le orme del suo conterraneo “acquisito” Massimo D’Alema, che da alcuni viene addirittura apostrofato “Inciucio-Man”.

Buona lettura.

Nàrraci, o Nichi, le gesta di Don Verzé

Dev’esserci un misterioso black-out che ostruisce le comunicazioni fra Puglia e Lombardia. Ieri infatti, mentre a Milano è sempre più probabile il fallimento della Fondazione San Raffaele di don Luigi Verzé, sprofondata in un buco di quasi 1 miliardo, a Bari il governatore Nichi Vendola conferma “di voler investire 200 milioni di euro nel più grande ospedale pubblico del Mediterraneo, il San Raffaele del Sud, l’opera che Taranto merita”. Ospedale pubblico nel senso che i soldi li mettono i cittadini pugliesi: 60 milioni già anticipati al San Raffaele, altri 14-150 in arrivo, sempre a carico dei contribuenti. La gestione invece (la chiamano “sperimentazione gestionale”) resterà privata, privatissima, affidata alla stessa Fondazione del prete affarista, già cappellano di Craxi e di Berlusconi, ma anche di Vendola. Presentando a Milano il progetto con lui alla vigilia delle regionali del 2010, don Verzé ebbe a benedire la campagna elettorale del compagno Nichi: “È un uomo di grandissimo valore, di grandissima cultura, in grado di trasmettere idee e calore. Tutti segni del carisma che il Signore gli ha dato. Lo dovete eleggere ancora presidente della Regione Puglia. Almeno per altri 5-10 anni. Volete il San Raffaele a Taranto? Allora fate votare Vendola! Anche Berlusconi mi ha detto che lo stima molto, lo ritiene una persona per bene”. E ho detto tutto: “Io credo alla santità dell’uomo. E sia Berlusconi sia Vendola possiedono un fondo di santità. Se i pugliesi non saranno così illuminati da rieleggere Vendola, io lo nominerò comunque presidente del San Raffaele del Mediterraneo”. Un quadretto edificante, non c’è che dire, se non fosse che nella pia opera finanziata dalla Regione il San Raffaele non metterà un euro: il partner privato che si accollerà una parte dei costi verrà scelto con una gara di project financing, ma non sarà il San Raffaele (e meno male, visto che ha le casse vuote e 500 milioni di debiti coi creditori, tanto che qualcuno comincia a domandarsi che fine abbiano fatto i 60 milioni già anticipati dalla Regione Puglia). Fra l’altro la fondazione San Raffaele del Mediterraneo, appena nata, ha già dovuto cambiare presidente perché l’assessore al Bilancio Michele Pelillo, finanziatore istituzionale della società, aveva avuto la bella idea di mettere a presiederla un suo socio di studio, l’avvocato Paolo Ciaccia, costretto a dimettersi per le prevedibili polemiche sul conflitto d’interessi. Un replay del caso Tedesco, nominato assessore alla Sanità da Vendola malgrado la sua famiglia fosse fornitrice della Sanità regionale. Si dirà: molti malati di Taranto devono emigrare fuori città o fuori regione, dunque il nuovo mega-ospedale serve. Mica tanto: il San Raffaele dovrebbe rimpiazzare i due vecchi ospedali tarantini, il SS. Annunziata e il Moscati che, per quanto decrepiti, vantano 680 posti letto contro i 580 di quello nuovo. Le domande a questo punto nascono da sole. 1.Non è meglio, in una delle regioni col bilancio sanitario più dissestato, investire qualche milione per ammodernare i due ospedali esistenti, anziché buttare 200 milioni in uno nuovo che per giunta farebbe perdere 100 posti letto? 2. Cos’è saltato in mente a Vendola di affidarne la gestione (analisi costi-benefici, bando di gara per progettazione e costruzione, direzione sanitaria) al San Raffaele, “partner privato scelto – denuncia l’alleato Antonio Decaro, capogruppo Pd in Regione – in via diretta senz’alcuna procedura di evidenza pubblica”? 3. Non è opportuno rimettere tutto in discussione almeno ora, visti i “requisiti gestionali” dimostrati dal San Raffaele sull’orlo del crac? Onde evitare un nuovo caso Tedesco nella sanità pugliese, forse è il caso che Vendola risponda alle contestazioni dei suoi stessi alleati, ma soprattutto ai dubbi di tanti elettori, con un’adeguata “narrazione”. Possibilmente non in poesia, ma in prosa.

Marco Travaglio (Il Fatto Quotidiano – 2 agosto 2011)

3 comments

1 ping

  1. Maurizio Cerioni

    Caro Stefano, il futuro leader del CentroSinistra..almeno questo vorrebbe il popolo dei VERI uomini di Sinistra, quelli che non sbagliano MAI ed hanno la VERITA’ in bocca per diritto DIVINO…ha già dato ampia dimostrazione di non sapersi scegliere gli Assessori ma soprattutto di fare in ambito di Sanità Pugliese scelte scellerate…
    ma è NICHY a LUI al momento si perdona tutto, concediamogli tempo e concediamolo anche a chi se certe scelte Vendoliane le avesse fatte DiPietro sarebbero subito pronte ad Indignarsi!
    CMQ, SCOPRO OGGI COS’ E’ ESSERE DI SINISTRA : FARE AFFARI CON DON VERZE’ A SPESE DEI CONTRIBUENTI….SEGNAMOCEL​O NOI DESTRORSI SENZA “PATRIA” POLITICA!
    Un elogio a Marco Travaglio, giornalista libero SEMPRE !

  2. Paola

    Questo il peggio di Vendola???
    Stefano non essere frettoloso, in fondo Nichy è ancora alle prime armi, ancora politicamente abbastanza giovane…dai tempo al tempo e vedrai che per la par conditio avremo tutto a destra, un Berlusconi e TUTTO A SINISTRA, un Vendola! (evidenzio bene la completa appartenenza di Vendola alla sinistra politica così facciamo contenti e ringalluzziamo gli orgogli dei suoi “uomini”)
    Confido solo in chi continuerà ad andare DRITTO con i suoi Uomini RETTI!!!

  3. Sara

    Oltre ai soliti inciuci dei politicanti affaristi, quello che mi lascia più perplessa è il fatto che l’uomo di Sinistra per eccellenza (come credo ami definirsi) contribuisca ad aumentare l’ingerenza della Chiesa negli affari pubblici e per di più nel delicatissimo settore sanitario (vedi CL in Lombardia)!!!
    Devo quindi dedurre che il poeticissimo Vendola sia contro l’aborto e a favore dell’accanimento terapeutico!
    Tutto molto di sinistra!

  1. Stefano Ungarelli » Vendolaaaaaaa?!?!?! Ci sei o ci fai? » Italia dei Valori

    […] per ordine, esattamente un anno fà, il 2 agosto 2011, pubblicai questo post: “Il peggio di Vendola in Puglia, o c’è altro?” nel quale emergevano strane e diverse analogie tra il non condivisibile (da parte mia) operato di […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>